Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca quiChiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie.

Ideata da: Ing. Giovanni Monda
PIATTAFORMA DIDATTICA INTERATTIVA
D.D.
DIDATTICA DIGITALE

DIDATTICA DIGITALE

PIATTAFORMA DIDATTICA INTERATTIVA

 

La sfida del coding 

 

Inserire il coding e il pensiero computazionale nella scuole di ogni ordine e grado è una sfida. Una sfida che grazie alle ultime innovazioni nel campo della didattica dell'informatica può essere vinta facilmente. La sfida consiste nell'individuare uno strumento e delle metodologie che risultino interessanti, utili ed efficaci non 

soltanto per gli studenti, ma anche e soprattutto per i docenti. Uno strumento che unisca studenti e docenti nella riconversione della scuola in un nuovo ambiente stimolante ed innovativo. E questo obiettivo è oggi alla nostra portata. 

Se infatti gli studenti, oramai per la maggior parte nati in un mondo sostanzialmente orientato al digitale sono naturalmente portati ad usare, e ad usare con piacere, gli strumenti tecnologici, lo stesso non può essere detto della maggior parte dei docenti della scuola. Ma una strategia efficace dell'introduzione del digitale non può limitarsi a considerare l'uso del coding e del pensiero computazionale solo per poche ore alla settimana. Deve puntare ad introdurre l'uso di strumenti digitali a tutti i livelli e coinvolgendo i docenti di tutte le materie. L’applicabilità di una tale strategia è stata finora molto limitata dal senso di inadeguatezza che molti docenti provano nei confronti delle nuove tecnologie, senso di inadeguatezza che può essere non ultimo verificato dall'insufficiente uso delle LIM dove presenti. 

Oggi esistono infatti strumenti, basati sulla filosofia dei "mattoncini Lego", che sono alla portata di tutti e rendono l'approccio alla programmazione qualcosa di estremamente stimolante a tutti i livelli. 

L'ambiente al momento più maturo e più robusto è quello offerto dal tool Scratch sviluppato dal MIT. Scratch permette agli studenti di creare giochi o animazioni multimediali ed interattive usando immagini, musica e suoni. Scratch, grazie al suo design, è disponibile in italiano e permette anche ai docenti di imparare in maniera semplice ed intuitiva a sviluppare supporti multimediali ed interattivi per le loro lezioni, per qualunque disciplina. Se Scratch è adatto a partire dai 7/8 anni, a Scratch si affianca ora Scratch Junior, un tool che permette addirittura ai bambini in età prescolare di afferrare in maniera giocosa i principi del pensiero computazionale. 

I docenti di qualunque settore possono imparare ad usare Scratch in maniera intuitiva. Sono stati condotti esperimenti che hanno dimostrato come docenti di materie principalmente umanistiche delle scuole elementari non abbiano avuto difficoltà a scoprire da soli come funziona Scratch, e abbiamo appreso in maniera velocissima  come poterlo usare per realizzare in maniera molto semplice ed immediata supporti didattici interattivi per le loro lezioni. 

Nell’ambito di progetti condotti nelle scuole elementari si è visto come gli alunni stessi, naturalmente portati a esplorare e a sperimentare, abbiano coinvolto i loro insegnanti nell’uso di Scratch (un tool di sviluppo) e siano addirittura giunti a spiegare loro il funzionamento e le potenzialità dello strumento. L’uso di uno strumento comune che permetta allo stesso tempo ai docenti di innovare la didattica e agli studenti di essere introdotti al coding e al pensiero computazionale è un’opportunità eccezionale. 

Afferrare i concetti del coding e del pensiero computazionale divertendosi 

 

Scratch permette agli studenti di usare da subito, anche senza doverli prima studiare teoricamente, sia tutti i concetti più importanti che sono alla base del coding e del pensiero computazionale che altri più avanzati, come ad esempio: 

  • * Gli Algoritmi

  • * I Cicli

  • * Le Procedure

  • * Le Variabili

  • * Le basi degli Oggetti e delle classi

  • * La Programmazione concorrente 

  • Raggiungere gli obiettivi unendo gli sforzi

  • Grazie all’uso di uno strumento unificato utile sia per lo studio che per il divertimento, e che si integra perfettamente come supporto didattico innovativo per qualunque tipologia di materia (italiano, grammatica, storia, matematica, geometria, geografia, lingue straniere, disegno, musica, fisica, scienze, ecc in sostanza tutte le materie, senza alcuna limitazione) lo sforzo di introduzione del coding e del pensiero computazionale nella scuola non potrà che avere successo. Un progetto basato su questi presupposti fornirà a studenti e docenti uno strumento di base che si troverà presto a diventare la nuova penna del XXI secolo. Uno strumento indispensabile per tutti, ma facile da imparare.

  • Dalle basi del coding alle applicazioni reali 

  • Sebbene la galassia di applicativi appartenenti alla famiglia di Scratch (Scratch 2.0, Scratc Jr, Snap, Catrobat) permetta di acquisire tutti i concetti alla base del coding e del pensiero computazionale, i docenti delle scuole superiori o i docenti con conoscenze sull’argomento potranno decidere di orientare successivamente gli argomenti relativi al coding verso linguaggi standard come Javascript, PHP e MySQL nel caso si sia interessati allo sviluppo Web, o ProcessingJS nel caso si sia interessati alla grafica e al rendering o Python nel caso si sia interessati ad applicazioni leggere e multiuso. Tutti questi linguaggi, come i precedenti, sono utilizzabili usando ambienti sia locali che remoti che girano all’interno di una comune browser web, garantendo quindi la possibilità di uso di device diversi se dettata dall’approccio BYOD. Inoltre il passaggio dagli ambienti Scratch a quelli standard può essere reso più facile grazie all’uso di ambienti di transizione appositamente studiati come, ad esempio, BloP.

  • homeP  

Calendario Eventi

Nessuna evento nel calendario
  -- Seminari
  -- Formazione
  -- Eventi

  

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30